Benji & Fede presentano 0+: “Siamo uniti anche dal gruppo sanguigno”

c_2_articolo_3037586_upiimagepp

benji-fede

Il duo presenta a Tgcom24 il nuovo album che esce oggi e che vanta la collaborazione di Max Pezzali, Annalisa e Jasmine Thompson

Sono cresciuti Benji & Fede e per il nuovo album, il secondo, sono stati più attenti alla scrittura, alla voce e alla produzione (è stato realizzato tra l’Italia, la Norvegia, la Finlandia). “O+” vanta la collaborazione di Max Pezzali, AnnalisaJasmine Thompson e arriva in un momento di grande successo, coronato da copertine e vendite eccezionali, ma il duo giura a Tgcom24 di rimanere sempre con i piedi per terra: “Lavoriamo tanto e poi ci rifugiamo tra gli amici di sempre le la famiglia”.
c_2_articolo_3037586_upiimagepp

Ragazzi, perché questo titolo così particolare? 
E’ il gruppo sanguigno che abbiamo in comune, abbiamo scoperto di essere entrambi 0+, meglio di così non poteva essere per lanciare un messaggio: questo album è davvero una parte di noi. Siamo fratelli di vita, è un titolo che ci unisce ancora di più. E poi è anche un numero, quindi si ricollega al titolo del nostro primo disco.

Possiamo quindi rassicurare le fan, non vi sciogliete? 
Assolutamente si, speriamo di durare nel tempo e di continuare a lavorare insieme.

“Amore e Wi-fi” è il primo singolo che avete lanciato, come sono vissuti i sentimenti oggi nell’epoca dei social?
Raccontiamo una storia d’amore nata in Rete, promesse non mantenute, come succede spesso quando gli incontri avvengono in modo virtuale. Noi crediamo all’amore che nasce grazie a Internet. Il primo contatto può nascere lì, poi è chiaro che la storia si deve vivere in modo reale.

Può succedere anche a voi?
Qualche dubbio certo ce l’abbiamo, ma non ci facciamo tante paranoie, se stiamo bene, se c’è alchimia, guardiamo altro.

Come lo state vivendo questo grande successo? 
Bene, sappiamo di essere all’inizio, sappiamo che c’è ancora tanta strada da fare. Siamo anche in una specie di bolla, lavoriamo ininterrottamente, siamo costanti, la viviamo bene, siamo un po’ più lontani dal mondo reale rispetto a prima perché lavoriamo tanto, poi quando stacchiamo e torniamo a casa, ci ritroviamo con gli amici di sempre e la famiglia. E ci aiuta a rimanere noi stessi…

 

Ci sono tre collaborazioni importanti in questo album, ce ne parlate?
Con Max Pezzali è una sorta di connubio tra due generazioni diverse, lui è rimasto subito entusiasta. Quando abbiamo sentito la sua voce ‘in Traccia numero 3’ è stato un sogno che si avverava. Siamo cresciuti ascoltando le sue canzoni. E anche lui si è emozionato, ci ha detto che si è rivisto agli esordi… Annalisa ci ha aiutati a scrivere il testo di questo pezzo più estivo degli altri, ma non era in programma un featuring, poi ci ha mandato ‘Tutto per una ragione’ cantata da lei come provino, ci è piaciuta, c’era una bella alchimia e le abbiamo chiesto di farla con noi. Jasmine Thompson invece ci ha aiutati nel ritornello, la sua voce ha reso ‘Forme geometriche’ più d’impatto.

Sognate un successo internazionale?
Stiamo lavorando molto anche in Spagna, siamo appena tornati da Madrid dove siamo stati accolti benissimo. Ma la nostra priorità è l’Italia. E’ chiaro che se arrivassero riscontri positivi dalla Spagna o dall’America Latina noi ne saremmo felici.

In cosa il secondo album è diverso?
C’è della consapevolezza in più. Abbiamo valorizzato di più la voce, a livello compositivo abbiamo scritto di più. E lavorare all’estero ci ha permesso di integrare esperienze musicali diverse. C’è stata tanta voglia di sperimentare.

Il settimanale “Grazia” vi ha appena dedicato la cover, cosa avete provato?
E’ la nostra prima copertina. I tempi stanno cambiando, i social assumono sempre più importanza. Anche da parte loro non è stata una scelta così scontata. Alle pareti abbiamo visto le copertine di questi anni e di uomini ce n’erano davvero pochi. Giusto George Clooney, Ramazzotti e Jovanotti… Quindi abbiamo una bella responsabilità…

Una rinuncia? 
La vita sociale. Lavoriamo tanto e sacrifichiamo delle cose della vita normale.

C’è un altro libro in cantiere? 
C’è un progetto, la nostra FanFinction, abbiamo già selezionato la storia di una fan che ha colto il nostro essere, ci ha inquadrati, l’ha scritta molto bene. Non l’abbiamo influenzata in nessun modo e poi abbiamo deciso di contattarla. Uscirà prima di Natale.

Fonte: www.tgcom24.mediaset.it

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *