Boucha: dal 13 Gennaio in tutte le radio arriva il nuovo singolo “Yallah”

bouchra

Ti è piaciuta la notizia? Condividila!

bouchra

Dopo il successo di  “Blanc ou Noir”, cantato in lingua francese (oltre un milione di view del video, brano in TOP50 dell’airplay radiofonico e costantemente presente nella chart singoli di iTunes, nella TOP10 viral di Spotify e nelle classifiche emergenti di Vevo: un successo davvero inusuale per una canzone lanciata da un’esordiente), dal 13 gennaio sarà in radio e su tutte le piattaforme digitali “Yallah”, il nuovo singolo di Bouchra.
 
Per la prima volta Bouchra firma il testo, scritto in inglese con l’inciso in lingua araba: “Nella mia vita tu sei l’aria che vorrei respirare …Nella mia vita tu sei il mio primo amore”. La musica e la produzione del brano sono di Emiliano Cecere, compositore e arrangiatore livornese (che ha già  lavorato con Amoroso, Annalisa, Renga, Raf e Patty Pravo).
 
“La canzone parla di una ragazza che scopre una forza interiore che non sapeva di avere. Da qui la decisione di poter vivere indipendente, cercando la propria strada, insieme alle persone che vogliono seguirla. Yallah, in lingua araba, significa infatti andiamo. E’ un messaggio per incitare le persone ad andare avanti  senza fermarsi mai, superando le insidie della vita.racconta Bouchra.
 
Bouchra, di nazionalità marocchina, è cresciuta in Italia, a Livorno. Fin da piccola ha manifestato una grande passione per la musica e un forte desiderio di cantare che si è presto concretizzato grazie al suo impegno costante. Dopo un primo periodo passato a registrare e pubblicare cover che le hanno permesso di crearsi una sua dimensione sul web e una solida fanbase, arriva la vera svolta grazie all’incontro con Francesco De Benedittis, autore e produttore italiano, che ha scritto appositamente per lei, insieme ad Antonio Toni, il brano in lingua francese  “Blanc ou Noir”.
Questa canzone rispecchia alla perfezione la personalità di Bouchra e segna ufficialmente l’inizio del suo percorso discografico.
  

Ti è piaciuta la notizia? Condividila!

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *