Francesco Renga: ecco le canzoni famose della discografia del cantautore bresciano

Francesco-Renga-a-Sanremo-2012

Francesco Renga tra i Big di Sanremo 2014

E’ il grande deluso dell’ultimo Festival di Sanremo ma poco importa: Francesco Renga di canzoni famose ne ha cantate tantissime durante la sua lunga carriera discografica, e pazienza se le giurie sanremesi hanno ritenuto la bella Vivendo Adesso neanche meritevole del podio, visto che il brano sta comunque andando fortissimo in radio.
Abbandonati i Timoria alla fine del 1998, Renga ha intrapreso la carriera solista nel 2000 con un album omonimo e ha esordito davanti al grande pubblico l’anno seguente con Raccontami, premio della critica a Sanremo Giovani. Successivamente il rapporto tra il cantautore bresciano e il Festival della Canzone italiana si è rivelato lungo e duraturo, e anche fruttuoso se consideriamo la splendida affermazione nel 2005 con la suggestiva Angelo. Escludendo la partecipazione del ’91 con la sua vecchia band, Francesco Renga è infatti salito sul palco dell’Ariston per ben sei voltee qualcosa ci dice che non sia certo finita qui. Ma vediamo adesso quali sono le canzoni più famose di Francesco Renga.

Angelo [2005]

Angelo fa parte della riedition dell’album Camere con Vista, pubblicata il 4 marzo 2005 e, come abbiamo già scritto prima, ha vinto il Festival di Sanremo 2005. Il brano è dedicato a Jolanda, la figlia che Francesco Renga ha avuto con Ambra Angiolini poco tempo prima della sua partecipazione alla kermesse canora. Bello anche il video, girato presso il Castello Scaligero di Torri del Benaco.

La tua bellezza [2012]

La Tua Bellezza è una canzone famosa di Francesco Renga pubblicata nella raccoltaFermoimmagine del 2012. Con questo pezzo Renga ha partecipato a Sanremo dello stesso anno classificandosi in ottava posizione, e ha raccontato di averlo scritto per raffigurare la perfetta sintesi del percorso portato avanti nella sua carriera di artista, sia da un punto di vista della scrittura che da un punto di vista stilistico. Nel video compare l’attrice Francesca Inaudi.

Un giorno bellissimo [2010]

Scritto nel 2010 per l’album omonimo e inserito anche nella raccolta Love… per sempre e Je t’aime, il singolo Un Giorno Bellissimo si ricorda soprattutto per il simpatico video girato nella Rocca Viscontea di Lonato del Garda e che vede protagonisti una Barbie e un orsacchiotto di pezza nei panni di due atipici sposi.

Raccontami [2001]

Raccontami è il primo grande successo della carriera solista di Francesco Renga: sesto classificato a Sanremo Giovani 2001 ma vincitore del premio della critica, ha contribuito in maniera decisiva a lanciarlo nel panorama della musica italiana dopo l’uscita dai Timoria.

Ci sarai [2004]

Ci sarai di Francesco Renga è il primo singolo estratto dal suo terzo album Camere con Vista, pubblicato nel 2004. La canzone racconta la paura del cantautore di perdere la felicità, nel momento in cui l’ha raggiunta, ed è probabilmente dedicata alla sua compagna Ambra Angiolini. Nel brano c’è un assolo di chitarra di Drigo dei Negrita.

Dove finisce il mare [2007]

Il brano Dove Finisce il Mare di Francesco Renga fa parte del suo album Ferro e Cartone del 2007, due elementi che secondo l’artista bresciano simboleggiano ciò che un uomo si porta nel viaggio della vita: di ferro, pesanti e fredde, sono le cose brutte come il dolore e la tristezza. Di cartone invece sono i bei ricordi: l’amicizia e l’amore.

Ancora di lei [2000]

Una delle prime canzoni di Francesco Renga post Timoria: Ancora di Lei fa parte del suo primo album omonimo uscito nel 2000 ed è stata suonata col bassista Franco Li Causi e il pianista Maurizio Zappatini.

Meravigliosa (La Luna) [2004]

Meravigliosa (La Luna) è una famosissima canzone di Francesco Renga inserita nell’albumCamere con Vista del 2004. Il brano, nato da un giro di pianoforte e inciso al volo su un registratore domestico per evitare di dimenticarlo, è accompagnato da un bel video nel quale il cantante, al volante di un’automobile decappotabile bianca, è protagonista di una storia surreale.

Fonte: www.musicroom.it

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *