Kathryn Williams: Crown Electric , nuovo album della cantautrice inglese

Kathryn-Williams-header-780x450

Kathryn Williams Crown Electric recensione

E’ uscito lo scorso 1° ottobre 2013 il nuovo album di Kathryn WilliamsCrown Electric, decimo capitolo discografico (dopo quasi quattro anni di pausa) di una delle più raffinate cantautrici folk pop britanniche, nominata al Mercury Prize nel 2000 per l’acclamato Little Black Numbers. Curiosità: il titolo del disco si ispira chiaramente alla compagnia elettrica americana per cui un giovane Elvis Presley faceva le consegne appena prima di entrare nei mitici Sun Studios e scrivere la storia del rock.

Crown Electric di Kathryn Williams è un album di grande personalità che conferma il suo talento di songwriter. I temi centrali su cui vertono le 13 tracce sono quelli del lavoro e del tempo, e infatti è la stessa artista nativa di Liverpool a spiegare che ‘quando diventi mamma il tuo tempo è limitato ed è proprio in quel momento che la creatività e la voglia di lavorare sono al massimo. Questo disco è tutto incentrato sul valore del tempo, è la cosa più preziosa che abbiamo‘.

Ascoltando i brani di Crown Electric, si nota come Kathryn Williams abbia per un momento voluto discostarsi dalle atmosfere prettamente acustiche (voce + chitarra e stop) che hanno caratterizzato i suoi precedenti lavori, dirigendosi stavolta verso sonorità indie-pop come per esempio nel bel singolo Heart Shaped Stone. Ma non mancano brani più delicati come Sequins, Underground e Arwen, anche se è Darkness Light a emozionare più di qualunque altra traccia e a presentarsi come uno degli episodi meglio riusciti dell’intero album. Nota di merito anche per Gave it Away e Out of way, con quest’ultima che si regge su un indovinato suono di tromba.

Crown Electric è stato registrato in tre giorni con l’apporto del chitarrista e produttore Neill MacColl, collaboratore di vecchia data della Williams, e degli altri musicisti Jon Thorne al contrabbasso e Luke Flowers alla batteria.

A nostro parere è perfetto come colonna sonora dell’autunno (quindi perfetto per il periodo). Se siete in casa e il vostro umore non è troppo malinconico, provate a inserirlo in sottofondo. Potrebbe stupirvi.

Kathryn Williams, Heart Shaped Stone: video

Fonte: www.musicroom.it

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *