Lady Gaga: i 5 video più belli della trasgressiva regina del pop

lady-gaga

Lady Gaga

L’uscita della nuova clip di G.U.Y. è un buon pretesto per ricordare e riguardare i video più belli di Lady Gaga, la trasgressiva regina del pop che tra qualche mese tornerà in Italia per un attesissimo concerto al Mediolanum Forum di Assago fissato il 4 novembre 2014.
Come sappiamo, i video musicali di Lady Gaga non sono quasi mai delle semplici clip di supporto a un brano ma veri e propri cortometraggi, quasi dei mini film: provocatori, coloratissimi e mai banali, hanno spesso provocato polemiche per le immagini forti, incontrando talvolta anche problemi di censura (per esempio LoveGame, Paparazzi, Alejandro e Judas). Ma sono soprattutto video molto amati dal pubblico (Gaga è stata la prima a superare il miliardo di visualizzazioni su Youtube) e apprezzati dalla critica, come dimostrano i tanti premi ricevuti nelle maggiori rassegne internazionali.
Vediamo dunque quali sono i 5 video più belli di Lady Gaga, la popstar simbolo del terzo millennio.

1° Bad Romance

Girato da Francis Lawrence (regista tra gli altri di Io Sono Leggenda e Hunger Games: La Ragazza di Fuoco), il video di Bad Romance è stato pubblicato il 10 novembre 2009 ed è ambientato in una sorta di centro termale in cui Lady Gaga viene rapinata, drogata e condannata a schiavitù sessuale dalla mafia russa, insieme a un gruppo di ballerine. Bad Romance ha vinto otto premi agli MTV Video Music Awards 2010: Video dell’anno, Miglior video femminile, Miglior video pop, Miglior video dance, Miglior regia, Miglior coreografia e Miglior montaggio.

2° Alejandro

Il video di Alejandro è stato pubblicato l’8 giugno 2010, per la regia del fotografo Steven Klein, e trae spunto dall’amore che Lady Gaga prova per i gay e dal fascino suscitato dall’amore omosessuale. In alcune immagini della clip vediamo la popstar ballare con un gruppo di soldati in un cabaret, mentre in altre Gaga è vestita da suora e si cala un rosario in bocca con un uomo seminudo che maneggia una pistola giocattolo. Per questa scena la Lega Cattolica ha accusato Lady Gaga di blasfemia, ma il regista Klein ha spiegato che le immagini in questione volevano soltanto evocare il desiderio di ‘concedersi al Sacro’.

3° Telephone (feat. Beyoncé)

Diretto dal guru dei video musicali, lo svedese Jonas AkerlundTelephone è stato pubblicato l’11 marzo 2010. Il video, dalla durata di 9:34 minuti, è il seguito di Paparazzi e vede come co-protagonista l’altra celebre popstar Beyoncé: dopo essere evasa da un carcere con l’aiuto della collega, Lady Gaga si reca in un ristorante dove, sempre in compagnia di Beyoncé, avvelena i clienti che sono lì per mangiare, prima di darsi alla fuga sulla mitica Pussy Wagon del film Kill Bill vol. 1 di Quentin Tarantino. Molti critici hanno esaltato il video, ma alcuni ne hanno criticato la sua violenza e i temi.

4° Judas

5 maggio 2011: questa la data della diffusione online del video Judas di Lady Gaga, girato dalla stessa regina del pop insieme alla sua coreografa Laurie Ann Gibson. Nel mini film Gaga, che veste i panni di Maria Maddalena, è combattuta tra Gesù, che simboleggia il bravo ragazzo, e Giuda, il bad boy, meno rassicurante ma più fascinoso. Alla fine Gaga sceglie Gesù, simbolo del suo pentimento e della scelta del bene, in contrasto con il tema della canzone dove invece sembra scegliere Giuda. Il video finisce con la lapidazione di Lady Gaga-Maria Maddalena, in un abito candido e virgineo.

5° Poker Face

Il video di Poker Face, diretto da Ray Kay e Anthony Mandler, è stato presentato il 22 ottobre 2008. Le riprese si sono svolte negli ambienti della lussuosa Villa Mirage, sull’Isola del Poker di Bwin, nel quale ogni anno la società organizza tornei agonistici di poker. Il video è un implicito inno allo svago sessuale, e termine ‘Poker Face’ rappresenta i raggiri che la cantante mette in atto per adescare un uomo e, talvolta, una donna allo scopo di portargli via il denaro.

Fonte: www.musicroom.it

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *