Renato Zero, Chiedi di Me: testo del nuovo singolo 2013

renato-zero
Renato Zero Da venerdì scorso è in high-rotation il nuovo singolo di Renato Zero, Chiedi di Me (testo e audio li trovate tra qualche rigo), il primo brano estratto dall’album Amo – Capitolo I che il Re dei Sorcini pubblicherà a breve a due anni di distanza dalla raccolta Puro Spirito e a quattro dall’ultimo disco di inediti, Presente.
Chiedi di Me è una canzone molto vivace con la quale Renato Zero prende un po’ le distanze dalle sue ultime produzioni intimiste, avvicinandosi invece allo stile pop-dance delle leggendarie Mi Vendo e Il Triangolo. Merito anche del lavoro svolto da Trevor Horn (artefice di alcuni grandi successi di Paul McCartney, Robbie Williams, Simple Minds e altri), co-produttore di questo e di altri pezzi dell’album insieme a Danilo Madonia e Celso Valli. Anche il testo di Chiedi di Me risulta piuttosto interessante, con l’artista romano che invita in modo esplicito i suoi fan ad essere sé stessi e non cambiare per nessuno, offrendosi addirittura personalmente in aiuto (Chiedi di Me, appunto).

Intanto il nuovo album Amo – Capitolo I (un titolo che lascia presagire l’uscita, in un futuro più o meno prossimo, di un capitolo II) è in dirittura d’arrivo visto che lo troveremo nei negozi di dischi e sui digital store a partire da martedì 12 marzo. Successivamente toccherà al tour 2013 di Renato Zero , per il momento composto da sole dieci date tutte fissate nella medesima location, il Palalottomatica di Roma. Kick-off il 27 aprile, biglietti già disponibili nelle abituali rivendite online e fisiche.

Renato Zero, Chiedi di Me: audio

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”http://www.youtube.com/embed/Zrr4c2Vwnpo” frameborder=”0″ allowfullscreen></iframe>

Renato Zero, Chiedi di Me: testo
Chiedi di me
se la voglia va via
chiedi di me
se si spegne la tua fantasia
se il tempo stringe
la noia emerge
chiedi di me
chiedi di me
certi trucchi li so
chiedi di me
che un consiglio da darti ce l’ho
ho spalle forti
devi fidarti
ti stupirò
eccoci qua stesse modalità
ritorna l’ipocrisia la falsa moralità
l’odio si accende
quel sarcasmo pungente
e la bellezza di quegli anni tuoi
fatica a mostrarsi
posso capirti
sai
io c’ero già
avevo la stessa età
la stessa curiosità
il tuo stesso bisogno di fare
di sperimentare
capirci di più
malinconia non è niente di più
la timidezza lo sai puoi sconfiggerla tu
facile a dirsi
son giorni persi
nell’angolo anch’io
il tuo dolore fu il mio
adesso se vuoi
apri quegli occhi
e vai
goditi pure una bella giornata di sole
che il buon amore produce la giusta energia
anche l’amore ritorni a placare la sete
basta censure e divieti
la vita è la tua
allora battiamole queste maledette barriere
chiedi di me
io tornerei più insidioso che mai
per spaventarli lo sai
basta fargli vedere che ami
che giudizi non temi
che in pace sei tu
chiedi di me
a quei bigotti laggiù
i dubbi che seminai non li sciolsero mai
poveri cristi
corpi deserti
quindi se puoi non deludermi mai
osa di più
falli tremare
dai
chiedi di me
tu chiedi di me
chiedi di me
fallo.

Lun 04/03/2013 da Rob Rensenbrink

Fonte: www.musicroom.it

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *