Robbie Williams: 40 anni , le 10 canzoni più belle dell’ex Take That

Robbie-Williams

Ti è piaciuta la notizia? Condividila!

Robbie Williams

Il tempo passa per tutti e anche Robbie Williams compie 40 anni, essendo nato a Stoke-on-Trent, nello Staffordshire, il 13 febbraio 1974. Il modo migliore per festeggiarlo ci sembra quello di proporre le 10 canzoni più belle che hanno contrassegnato la sua carriera solista dopo l’uscita dai Take That avvenuta nel 1995 (a parte la momentanea reunion del 2010-2011): in quasi 20 anni Robbie ha pubblicato ben dieci album di inediti vendendo circa 80 milioni di copie. Numeri impressionanti che lo rendono una delle più grandi popstar contemporanee e probabilmente la prima a livello europeo. Pensate che fra i tanti record detiene anche quello per il maggior numero di biglietti venduti in un solo giorno (1,6 milioni per il tour mondiale del 2006), con relativo ingresso nel Guinness dei Primati.
Sex symbol tra i più desiderati al mondo (gli vengono accredidate liaison con decine di celebrità), da qualche anno sembra aver però messo la testa a posto avendo trovato un perfetto equilibrio con la moglie Ayda, da cui nel 2012 ha avuto la prima figlia Theodora Rose.
Ma adesso stop alle chiacchiere e vi lasciamo con le 10 canzoni più belle di Robbie Williams per celebrare i suoi 40 anni.

Angels (1997)

Tratta dall’album Life thru a Lens, Angels è il brano che ha lanciato la carriera solista di Robbie Williams e rimane tutt’oggi il suo singolo più venduto nel Regno Unito con 1.210.000 copie.

She’s the one (1999)

Quarto singolo estratto dall’album I’ve Been Expecting You, She’s the One è una cover del brano originale dei World Party. Ottenne all’epoca un gran successo in tutta Europa, vincendo il disco d’oro per aver venduto oltre 400.000 copie e il riconoscimento di ‘Singolo dell’anno’ alla cerimonia dei Brit Award 1999.

Supreme (2000)

Pubblicata come terzo singolo dall’album Sing When You’re Winning, Supreme utilizza la base musicale del popolarissimo brano di Gloria Gaynor, I Will Survive. Il video clip è un tributo alla Formula 1 degli anni ’70 (13 anni prima del film Rush) con immagini reali di quel periodo, dove Robbie interpreta il personaggio inventato di Bob Williams, mentre il suo rivale è il mitico pilota Jackie Stewart.

Eternity [2001]

Eternity è un brano al quale partecipa il mitico Brian May, chitarrista dei Queen, e che secondo gli esperti di gossip fu scritta per Geri Halliwell delle Spice Girls, con la quale, si mormora, a quei tempi Robbie aveva una relazione.

Somethin’ Stupid (2001) feat. Nicole Kidman

Altra famosissima hit di Robbie Williams, interpretata con l’attrice australiana Nicole Kidman (i due furono protagonisti anche dello spassoso video clip), Somethin’ Stupid è in realtà una cover dell’omonimo brano composto da C. Carson Parks ed eseguito in duetto nel 1967 da Frank Sinatra e sua figlia Nancy.

Feel (2002)

Feel è il primo singolo estratto dal quinto album Escapology del 2002, ed è forse fra le tre canzoni più belle di Robbie Williams. Il video mostra Robbie nei panni di un cowboy e vede la partecipazione della nota attrice Daryl Hannah (Kill Bill).

You know me (2009)

You Know Me è uscita come secondo singolo dell’ottavo album di RW, intitolato Reality Killed the Video Star. Prodotta da Trevor Horn, ha venduto oltre 200.000 copie nel solo Regno Unito.

Shame (2010) feat. Gary Barlow

Shame è il primo brano estratto dal greatest hits In and Out of Consciousness: The Greatest Hits 1990-2010, ed è una ballata pop eseguita in duetto con Gary Barlow. I due non si esibivano assieme dal 1995, anno in cui Williams lasciò i Take That.

Candy (2012)

Candy è il primo singolo estratto dal suo nono album di Robbie Williams, Take the Crown. Scritta con Gary Barlow, è una canzone fresca ed estiva accompagnata da un video clip molto famoso.

Different (2012)

Secondo estratto da Take the Crown, Different è un brano introspettivo dove il cantante parla della sua relazione con la compagna, promettendo di cambiare e porsi in modo differente nei confronti della vita.

Fonte: www.musicroom.it

Ti è piaciuta la notizia? Condividila!

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *