• 1355
    0

    Stampa l'articolo “Le cose che ho visto” è il secondo estratto dall’album di Danilo Florio “Il migliore dei mondi possibili”. Autenticamente autobiografico, un po’ la metafora di quest’assurdo Belpaese, dell’arte del saper distruggere “accidentalmente” (se si vuole restare ironici) e in un baleno ciò che viene costruito con sudore e fatica dai molti, dagli onesti. ...